Paralizzato dalla paura e dall’ansia quando si tratta di divorzio?

È qualcosa a cui hai pensato a lungo. Sei stato insoddisfatto del tuo matrimonio per anni, eppure eccoti ancora qui. L'idea di separarti da lui o da lei ti fa provare una serie di emozioni da terrorizzato a euforico. Vuoi fare un cambiamento per migliorare la tua vita, ma ti senti paralizzato dalla paura e dall'ansia. Molto confuso, vero? Ecco alcuni consigli da parte di un avvocato matrimonialista a Verona.

 

Non c'è niente di sbagliato in te.

Cerca di non sentirti sconfitto. Sentirsi paralizzati dalla paura e dall'ansia può essere una forma di auto-protezione, per impedirti di prendere decisioni prima di essere completamente preparato. Decidere di porre fine a un matrimonio è un'esperienza psicologicamente ed emotivamente stimolante.

L'entità della decisione crea spesso un'ansia intensa, che porta a vari gradi di rifiuto, evitamento, chiusura e, di nuovo, sensazione di paralisi dalla paura e dall'ansia. Questo si traduce in: "restare fermo".

 

È importante ricordare che non fare nulla ha un costo.

Ironia della sorte, la stessa reazione autoprotettiva al pensiero di lasciare il matrimonio può alla fine portare a effetti dannosi su di te e sulla tua psiche. Spingere verso il basso la tua voce interiore ti prenderà un pedaggio e gli effetti si manifestano nel tempo.

Come si presentano? Può essere sotto forma di depressione, apatia, rabbia, disperazione o disperazione. Per evitare queste sensazioni spiacevoli, i nostri sistemi di difesa possono diventare creativi e spesso auto-sabotanti.

Questo può essere il punto in cui possono iniziare l'infedeltà, l'abuso di sostanze, le dipendenze da processi come il porno e il gioco d'azzardo e altri comportamenti malsani. Questi sono tutti tentativi disperati di farti sentire di nuovo meglio, ma sono controproducenti.

Sotto la disperazione c'è la disperazione. Coloro che stanno vivendo un matrimonio che è tossico o insoddisfacente in modo profondo soffrono. La disperazione può durare solo così a lungo prima che qualcosa ceda.
 

Prova qualcosa di diverso.

Prima di essere più influenzati da questo circolo vizioso, vale la pena adottare un altro approccio. Un approccio proattivo, onesto e diretto. Con te stesso e il tuo partner. Ci sono passaggi da compiere quando hai raggiunto il punto di svolta. Solo tu sai dove si trova, ma se ti vedi in una di queste descrizioni, questo potrebbe essere il momento di diventare reale.

 

Ecco 7 passaggi per porre fine a quella sensazione di essere paralizzati dalla paura e dall'ansia quando si tratta di divorzio

 

1. Affronta la verità.

L'energia che hai speso cercando di ignorare i tuoi pensieri e sentimenti si sta esaurendo. Ti sta impedendo di avere la vita più appagante possibile. Primo, vieni pulito con te stesso. Respira semplicemente nel messaggio che la tua voce interiore ha sussurrato: non sei più in grado di sostenere questa relazione coniugale. Guardati intorno: sei ancora qui. La conoscenza di questo non ucciderà te o nessun altro. Affronta la tua verità senza giudicare.

 

2. Abbatti la voce che incolpa, si vergogna e si diffonde la paura dentro di te.

Quando fai spazio alla tua verità, potrebbe essere immediatamente abbattuta da un'altra voce all'interno: il critico o il colpevole. Riconosci che questa voce ha fatto parte di ciò che ti ha impedito di ascoltare la tua verità per così tanto tempo. Ogni volta che hai iniziato a considerare i tuoi sentimenti in passato, la tua voce critica ti ha schiaffeggiato. Ora, dovrai davvero dare un'occhiata al tuo colpevole. Qual è il suo scopo? Per intimidirti fino alla sottomissione? Le tue idee di lasciare il tuo matrimonio sono davvero così pericolose? A cui? È importante fare dei test di realtà su questo piccolo e cattivo tiranno. Esercitati con i passaggi 1 e 2 secondo necessità.

 

3. Scrivi la tua verità.

Usa un diario online con una password, per mantenerlo riservato e sicuro al 100%. Quando scriviamo i nostri pensieri e sentimenti più intimi, non importa quanto spaventosi, diventano meno intimidatori. Diventano anche più reali. Consenti a te stesso di sognare come sarebbe la tua vita se agissi. Non lasciarti andare a un pensiero basato sulla paura sui tuoi sentimenti, per una volta. Puoi tornare indietro e cancellare, ma il tuo io più saggio ha già visto ciò che hai scritto. Non si torna indietro su quello. Rimani nella tua verità. Esercitati a farlo subito prima di addormentarti e lasciati marinare tutta la notte.

 

4. Parla di questi pensieri e sentimenti con qualcuno che è una parte naturale della tua vita, qualcuno di cui sai di cui ti puoi fidare.

Porta la verità nella tua vita condividendola con un collega fidato, un amico, una sorella, un fratello o un vicino. La tua verità è probabilmente stata sepolta per molto tempo. Se questo è difficile, potresti aver cercato di essere all'altezza di una certa immagine: la perfetta mamma, moglie, marito, figlio, professionista, ecc. Non c'è perfetto. Prova ad abbassare la maschera e rimarrai sorpreso dall'amore che le persone ti mostreranno.

 

5. Smetti di impegnarti in quei disperati comportamenti compensatori, se puoi.

Se stavi alzato fino a tarda notte e mangiavi un gallone di gelato, o bevi una bottiglia di vino, o hai una relazione con il tuo dentista, fai acquisti compulsivi online o ti fai risucchiare dal porno, smettila ora. Se gli viene permesso di continuare, questo comportamento ha il potenziale per assumere una vita propria. Se non lo ha già fatto. Questa reazione disperata alla tua stessa ansia di lasciare il tuo matrimonio ti tiene solo bloccato. Chiedi aiuto se necessario. Ci sono professionisti specializzati in ognuno di questi problemi. Usa Internet per trovarne uno o chiedi in giro per i rinvii.
 

6. E’ tempo di condividere i tuoi pensieri e sentimenti più veri con il tuo coniuge.

Se hai paura di condividere i tuoi pensieri e sentimenti con il tuo coniuge, di essere completamente trasparente, perché sospetti che il tuo coniuge sia violento, narcisista o una regina / re del dramma altamente reattivo, parla prima con un professionista.

Nella maggior parte degli altri casi, fai scrivere la tua verità per evitare di essere reindirizzato o, peggio ancora, paralizzato nella conversazione. Preparati alle sue sfide per concludere che il matrimonio è finito per te. Ricorda, lui o lei non è nello stesso spazio emotivo di te.

Sii pronto per uno scontro, perché probabilmente interpreterà i tuoi sentimenti come un gesto di accusa. Puoi rassicurare il tuo coniuge che, sebbene il matrimonio non sia responsabilità esclusiva di una persona, stai accettando la responsabilità di come ti senti ora. Questa conversazione sarà per te l'apertura di una porta. Hai detto la tua verità ora, senza scusarsi e senza vergogna o colpa. A meno che questa conversazione non abbia l'effetto di cambiare la tua visione del matrimonio, ea volte lo fa, non si può tornare indietro. Se questo è il tuo caso, il passaggio successivo è essenziale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi